Festa del Beato Giovanni da Nottiano

Domenica 1 Luglio 2018 Beato Giovanni da Nottiano
Armenzano Assisi –
Domenica 1 luglio 2018 a Nottiano verrà rievocata la Festa del Beato Giovanni da Nottiano nasce più di 25 anni fa come una festa paesana abbinata alla rievocazione di un episodio della vita di S. Francesco ed è organizzata dalla Pro Loco di Armenzano.
Con il passare degli anni, la sagra è stata abbandonata e la rievocazione è stata accompagnata da donazioni a enti di ricerca e beneficenza del territorio.

Programma

La manifestazione avrà inizio alle ore 11 con la Santa Messa nella Chiesa di Nottiano e sarà seguita dalla Donazione del bue e dei frutti della terra, simbolo dell’incontro tra San Francesco e il Beato Giovanni il semplice.

Le Fonti Francescane raccontano che mentre san Francesco stava devotamente pulendo una chiesetta sulle falde del Subasio, con tanto di ramazza in mano, cosa che aveva insegnato a fare ai suoi frati e che lui stesso spesso svolgeva, fu visto con ammirazione da un contadino del luogo, tale Giovanni, che stava arando nel campo e che sui mise ad aiutarlo, e che gli disse: «Voglio che tu mi faccia frate, perché da molto tempo desidero servire Dio».

Il santo ne provò gioia, considerando la sua semplicità, e rispose secondo il suo desiderio: «Se vuoi, fratello, diventare nostro compagno, da’ ai poveri ciò che possiedi e ti accoglierò dopo che ti sarai espropriato di tutto». Immediatamente scioglie i buoi e ne offre uno a Francesco. «Questo bue – dice – diamolo ai poveri! Perché questa è la parte che ho diritto di ricevere dai beni di mio padre». Il santo sorrise e approvò la sua grande semplicità. Appena i genitori e i fratelli più piccoli seppero la cosa, accorsero in lacrime. «Coraggio! – rispose loro il santo –. Ecco, vi restituisco il bue e mi prendo il frate». Lo condusse con sé, e dopo averlo vestito dell’abito religioso, lo prese come compagno particolare in grazia della sua semplicità. Quando Francesco stava in qualche luogo a meditare, il semplice Giovanni ripeteva in sé e imitava subito tutti i gesti o i movimenti che egli faceva. Se sputava, sputava; se tossiva, tossiva; univa i sospiri ai sospiri e il pianto al pianto. Se il santo levava le mani al cielo, le alzava egli pure, fissandolo con diligenza come un modello e facendo sua ogni mossa. Il santo se ne accorse e gli chiese, una volta, perché facesse così. «Ho promesso – rispose – di fare tutto ciò che fai tu. Sarebbe pericoloso per me trascurare qualche cosa». Francesco si rallegrò di quella schietta semplicità, ma gli proibì con dolcezza di non fare più così in futuro. E quando Francesco proponeva all’imitazione la sua vita – ciò che avveniva di frequente –, lo chiamava con grande piacevolezza non frate Giovanni, ma san Giovanni.

Bibliografia
Arnaldo Fortini, Nova vita di San Francesco
Arnaldo Fortini, 24 giugno 1957: inaugurazione della restaurata chiesa di Nottiano